Come fatturare senza partita IVA

Le aziende e i professionisti utilizzano le fatture per acquistare beni e servizi. Il meccanismo della fatturazione consente di acquistare e vendere avendo a disposizione la Partita IVA. Tuttavia non tutti ce l’hanno e ci sono dei casi in cui è necessario pagare un collaboratore che è sprovvisto di partita iva.

Come è possibile allora pagare e fatturare senza avere la partita IVA ? E’ possibile utilizzare il codice fiscale come alternativa ?

ritenuta-daccontoDa un punto di vista tecnico non è possibile emettere una fattura senza la partita IVA. L’Agenzia delle entrate ha messo perciò a punto un meccanismo che consente di ovviare a questo problema : la ricevuta per prestazione occasionale. Se non sai cos’è la ricevuta e come funziona leggi l’articolo collegato.

E’ possibile dunque utilizzare la ritenuta d’acconto per prestazioni di questo tipo.

Come funziona la ritenuta d’acconto

Come sapete il reddito o i soldi che percepisci da lavoro collaborativo devono essere tassati. In questo caso il datore di lavoro può emettere una ritenuta d’acconto per prestazione occasionale.

Questo significa che l’azienda è tenuta a pagare le tasse al posto tuo che effettui la prestazione. Se ad esempio tu emetti una ricevuta su 100 dovrai versare allo stato il 20% come ritenuta d’acconto. Questo 20% verrà versato al tuo posto dall’azienda per cui hai svolto il lavoro.

Dunque per essere in regola non devi far altro che emettere la ricevuta per prestazione occasionale incassando la somma che verrà liquidata al netto della ritenuta d’acconto. La ritenuta viene trattenuta e versata allo stato dall’azienda che dispone della partita IVA.

Se non l’hai già fatto ti consiglio di leggere questa guida su come usare la ritenuta d’acconto per prestazioni occasionali. Troverai all’interno un esempio ed anche un Fac Simile di Ritenuta d’acconto da poter utilizzare.

Nel caso in cui il cliente non dovesse avere la partita IVA si può ovviare al problema usando lo stesso meccanismo di ritenuta ma tra privati. Ne parleremo in un’altra guida specifica per questo caso particolare.

Salva

Updated: 30 agosto 2016 — 20:23

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MrFinanza © 2016 Frontier Theme